Barbera d’Asti Superiore Alfiera Visualizza ingrandito

Barbera d’Asti Superiore Alfiera, Marchesi Alfieri

Nuovo

Da uva barbera in purezza, il vino prende il nome dal vigneto, un “sorì” storico dell’azienda di 4 ha, piantato nel 1937 a 4.500 ceppi per ettaro

Maggiori dettagli

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 2 Punti fedeltà. Il totale del tuo carrello 2 punti può essere convertito in un buono di 1,00 €.


26,25 €

Add to wishlist

Regione Piemonte

Dettagli

BARBERA D’ASTI SUPERIORE ALFIERA

D.O.C.G.

In vigna

Diradamento dei grappoli nella prima metà di agosto al momento dell’invaiatura. Produzione per ceppo 1 - 1,2 Kg. Raccolta manuale delle uve in cassette nella seconda parte del mese di settembre

In cantina

Scelta e controllo delle uve sul tavolo di cernita seguita da diraspapigiatura soffice. Fermentazione sulle bucce in vasca di acciaio alla temperatura di 28°-30° per 15-20 giorni con delestage e leggeri rimontaggi. Fermentazione malolattica in legno con bâtonnage

Affinamento

In barriques di rovere francese (Allier e troncais) da 225 l. e 500 l. per 18 mesi; in bottiglia per 6 - 8 mesi a temperatura controllata di 15° C. prima della messa in commercio

Produzione

Solo nelle grandi annate se ne producono circa 15.000 bottiglie

Caratteristiche organolettiche

Colore rosso rubino, scuro ed impenetrabile alla vista, assume una leggera sfumatura granata con l’invecchiamento. Profumo intenso e complesso di ciliegia matura, frutti di bosco e prugna con note di vaniglia e cacao. Gusto pieno, di grande struttura e morbidezza, con finale lungo e fruttato. Aumenta in complessità con 2 - 3 anni di affinamento in bottiglia. Matura e si esprime bene per oltre 10 anni dalla sua vendemmia.

Abbinamento gastronomico

Carni rosse e formaggi di media/lunga stagionatura non arborinati

Temperatura di servizio

18°C

Recensioni

Scrivi una recensione

Barbera d’Asti Superiore Alfiera, Marchesi Alfieri

Barbera d’Asti Superiore Alfiera, Marchesi Alfieri

Da uva barbera in purezza, il vino prende il nome dal vigneto, un “sorì” storico dell’azienda di 4 ha, piantato nel 1937 a 4.500 ceppi per ettaro

Scrivi una recensione

30 altri prodotti della stessa categoria: